Per tutto il mese di luglio yoga all’aperto a 2 euro a lezione!

C’è chi la pausa pranzo la usa (giustamente) per mangiare e chi, complice la prova costume ormai alle porte, furtivamente si allontana dall’ufficio con tappetino al seguito.
Solitamente al rientro i due gruppi di individui si distinguono abbastanza chiaramente: vittime di panini assassini e in preda al conseguente abbiocco postprandiale gli uni e leggeri e misteriosamente sorridenti gli altri.
Elena Yoga 2
Se volete provare l’ebbrezza di una pausa pranzo dedicata al fitness e al benessere questa è la vostra occasione: per tutto il mese di luglio ogni giovedì dalle 12.45 alle 13.45 Elena Bussolati terrà delle lezioni di yoga ai giardini di via Pola (Zona Melchiorre Gioia).
Basta portare il proprio tappetino (nel caso non ne abbiate uno, è sufficiente anche un telo da mare) e un abbigliamento comodo (date le temperature, maglietta e pantaloncini sono l’ideale).
Questa volta non ci sono scuse, neanche per i più pigri: il costo è di soli due euro a persona, vale la pena provare!

Elena yoga
Elena insegna hatha yoga e meditazione. Alla pratica tradizionale ha aggiunto tecniche e conoscenze derivate dall’Anusara yoga, che arricchiscono il suo metodo di insegnamento con una maggiore consapevolezza degli allineamenti corporei e della circolazione dell’energia.
Per avere un’idea del suo stile, guardate qui

Niente paura se siete principianti, fidatevi di Elena: oltre ad essere un’insegnante esperta, saprà mettervi a vostro agio con il suo magnifico sorriso.

Attenzione! Le lezioni si terranno soltanto con il bel tempo. Se avete intenzione di partecipare, meglio contattare Elena all’indirizzo elebz@hotmail.com per avere conferma!

Lezione di Hatha yoga all’aperto
Insegnante: Elena Bussolati
Dove: Giardini Gregor Mendel (nei pressi di via Pola)
Quando: ogni giovedì, per tutto il mese di luglio, dalle 12.45 alle 13.45
Costo: 2 euro
Per info: elebz@hotmail.com

Com’è andata…

Prato verde, cielo blu, qualche sguardo incuriosito…ma soprattutto un bellissimo gruppo!

Elena al lavoro durante la pratica...

Elena al lavoro durante la pratica…

Un sorriso per la stampa... :)

Un sorriso per la stampa… 🙂

Il fatidico luogo dell'appuntamento...quando arrivate, cercate i tappetini!

Il fatidico luogo dell’appuntamento…quando arrivate, cercate i tappetini!

Bikram: il Fight Club dello yoga

2014-04-14 12.20.03

Immaginate di stare in una sauna con una temperatura soffocante (più di 40 gradi e il 50% di umidità) e di dover eseguire una sequenza di 26 pose dinamiche, brevettata da un intraprendente maestro indiano.  Ognuna di queste posizioni vi costerà sudore e fatica…ma per affrontare con dignità la prova costume si è pronti a questo e altro.
Questo, in sintesi, è il Bikram Yoga, conosciuto anche come Hot Yoga.
335386_411095248952259_1931184980_o
L’idea di base è riprodurre il clima tropicale dell’India, la culla dello yoga: in un ambiente caldo è possibile stirare i muscoli senza il rischio di farsi male, si eliminano le tossine e l’acido lattico, si purifica il corpo e la pelle.
Sotto delle grandi lampade che emanano una temperatura improbabile si eseguono le 26 pose (o asana), che alternano allungamento, compressione, equilibrio, forza e flessibilità. Ogni postura realizzata rende più elastici e tonici muscoli, tendini, legamenti e articolazioni, preparando così il corpo per quella successiva. Questo esercizio non solo rimodella il corpo e aiuta (pare) a migliorare la funzionalità degli organi interni, ma permette di bruciare un buon numero di calorie: tra le 400 e le 600 per ogni sessione di lavoro.
738400_612523772142738_1952667350_o
Le regole del Bikram, che vi mostrano prima di entrare nella sala-sauna per la vostra prima lezione, assomigliano un po’ a quelle del Fight Club:

  • Vietato uscire dalla sala: il tuo obiettivo è resistere per tutti i 90 minuti
  • Se ti senti male (!) sdraiati, ma non uscire (questa di solito non ti rende molto tranquillo quando la leggi…)
  • Indossa abiti leggeri, da allenamento. (Gli uomini spesso si presentano in costume da bagno, le donne, più dignitosamente, al limite azzardano pantaloncini corti. Io me ne infischio e indosso dei semplici leggings, nonostante i pantaloni lunghi siano fortemente sconsigliati.)
  • Porta con te dell’acqua (ma rassegnati: potrai dare il primo sorso solo dopo 25 minuti di pratica)
  • Porta un asciugamano (ne avrai bisogno) e un tappetino yoga (in alternativa lo trovi direttamente al centro).
  • Meglio praticare senza cibo nè liquidi nello stomaco. (Ecco perché si dimagrisce, devi digiunare!)
  • Per un massimo beneficio, si consiglia di praticare almeno tre volte a settimana (se sopravvivi)

Infine, qualche norma di comportamento:

  • Arriva puntuale (mi sembra il minimo)
  • Niente telefoni cellulari nella sala yoga (idem)
  • No gomme o cibo nella sala yoga (come sopra)
  • No profumi, acqua di colonia, creme corpo durante la pratica (?!)
  • No gioielli o orologi durante la pratica
  • Gli oggetti smarriti si terranno per una settimana prima di essere dati in donazione ad enti umanitari (tienilo presente prima di togliere gioielli e orologi…)

Quello che le regole non dicono: terminata una sessione sarai pervaso da un senso di benessere diffuso, ma…sarai impresentabile. Quindi calcola di avere il tempo necessario per fare una doccia, asciugarti i capelli e cambiarti completamente (quello che hai addosso non avrà più nulla di umano).

Nel Bikram, come nello yoga in generale, non è importante eseguire perfettamente le varie posizioni, ma cercare di farlo al massimo delle proprie possibilità. Per questo l’insegnante, in veste di “motivatore”, incita in continuazione a spingervi oltre il vostro limite di flessibilità con colorite espressioni come “blocca il ginocchio” e altre locuzioni che fanno pensare al linguaggio in codice di una strana setta.
563558_494376557290794_109130991_n

Questa disciplina ha riscosso un grande successo negli USA e tra le star che lo praticano regolarmente ci sono Madonna, Sting, Gwyneth Paltrow, Christy Turlington, Jude Law…più modestamente qui a Milano, soprattutto nelle lezioni serali, potete incontrare modelle, star e starlet del piccolo schermo.

I prezzi, solitamente proibitivi, diventano accessibili grazie all’offerta per i nuovi iscritti: un mese di prova a 55 euro, con ingressi illimitati. Per ammortizzarlo come si deve basta andare un paio di volte alla settimana.
I puristi dello yoga forse storceranno il naso, ma il mio consiglio è di considerare il Bikram come un esercizio fisico aerobico e approfittare della promozione per rimettersi in forma ed eliminare le tossine accumulate durante l’inverno.

Controindicazioni? “Non si è mai troppo malati, non si è mai troppo vecchi, non è mai troppo tardi per iniziare a praticare Bikram Yoga”, dice Bikram Choudhury.
E se lo dice lui, buona camicia a tutti…

Per info:
Bikram Yoga
Via Spontini, 8
Milano
MM1 Lima – MM2 Loreto
spera-bikramyoga.com
Promozione per il mese di prova: 55€ (compresa la quota di iscrizione)- ingressi illimitati

PS. Dopo un mese di pratica assidua, confesso di avere ancora un dubbio che mi attanaglia: che diavolo significa “blocca il ginocchio“?! Mah…

Mercatino Ciclostorico da Upcycle Cafè

_UIT9430

ph. sb

Stai cercando gli ultimi pezzi per assemblare la tua bici d’epoca?
Ti manca la maglia di lana per la tua prossima gara ciclo-storica?
Hai nostalgia della polvere sotto le ruote?

_UIT9426

ph. sb

Oggi, dalle 20 alle 23, Upcycle Milano Bike Café organizza un mercatino ciclo-storico con mostra-scambio di bici, abbigliamento e accessori d’epoca.
Regali eroici per chi viene in tenuta vintage. Siete avvisati!

_UIT9404

ph sb

Un’ottima occasione per scoprire questo bike cafè, che sembra un angolo di Berlino nella periferia milanese.
Durante la settimana con 5 euro o poco più pranzi con home made quiche e insalata, zuppe fredde, piatti unici anche per vegani e vegetariani spinti; la sera e nel weekend menu nordico con hamburger artigianale e pane fatto in casa, aringhe affumicate e salmoni a go-go; e poi i dolci, le birre e il pastis Argalà, artigianale made in Cuneo.
Niente coperto, servizio incluso e inclusa pure l’acqua purificata liscia o frizzante.

_UIT9405

ph. sb

_UIT9406

ph sb

_UIT9401

ph sb

Durante l’aperitivo di solito lo chef prepara una serie di stuzzichini (quiche, crostini con Praga, salsa skagen, burro all’aneto e aringa affumicata, creme di verdura…) che vengono serviti con la maggiorazione di 1 euro rispetto al prezzo di listino (4/5 euro) dei drink. Per i più golosi (o, semplicemente, affamati) ci sono degli appetizer più sostenuti come le capesante gratinate, i crostoni di formaggio di capra con miele e noci, i crostoni di salmone affumicato con salsa al rafano, che vengono serviti a 4 euro.

_UIT9433

ph sb

Come se non bastasse, da Upcycle c’è il Wi-Fi gratuito e si possono riparare gratis le bici sul pit stop attrezzato!
Insomma, ci sono un sacco di buoni motivi per passare di qui…

Upcycle Milano Bike Café
via A. M. Ampère, 59
20131 Milano
tel. 02.83428268
www.upcyclecafe.it

In barca a vela gratis nel mare dei milanesi

card06_sup_new

Milano è davvero una città piena di sorprese…ma dove altro trovate una sezione della Lega Navale, anche se non c’è il mare?!

Ebbene, domenica 28 luglio 2013 dalle ore 10.00 presso la sua base nautica dell’Idroscalo, la Lega Navale Italiana – Sezione di Milano organizza una giornata di uscite dimostrative gratuite su barche collettive, con istruttore a bordo, per tutti coloro che desiderano avvicinarsi alla vela.
Per chi avesse appeso le scarpe da velista al chiodo, l’alternativa è il SUP – Stand Up Paddling. Questo sport d’acqua, che arriva direttamente dalle Hawaii e pare spopoli in questa calda estate 2013, è perfetto per tutti coloro che desiderano mantenersi in forma in piedi su una tavola e con una pagaia.

Informazioni
Dove: Base nautica della LNI Milano all’Idroscalo
Quando: domenica 28 luglio 2013, dalle ore 10.00
Costi: Gratuito
Per informazioni e prenotazioni
T 02 58314058
comunicazione@leganavale.mi.it
www.leganavale.mi.it

PS: Vale la pena ricordare che all’Idroscalo la balneazione è libera e gratuita. Fino al 15 settembre, infatti, sarà possibile nuotare a costo zero nella zona delimitata dalle boe davanti alla spiaggia nei pressi della Punta dell’Est. Se non siete nuotatori esperti, niente paura: a garantire la sicurezza ci saranno dei bagnini con brevetto.
Se proprio ci tocca restare in città, almeno illudiamoci di essere al mare!

La palestra sotto casa che non sapevi di avere

Mi muovo
L’estate si avvicina e con essa l’inevitabile prova costume.
Se fino ad ora hai pensato che le temperature siberiane di questo periodo fossero un alibi perfetto per continuare a ingozzarti impunemente di brasato e polenta e osei, sappi che siamo vicini alla resa dei conti.
Ma per correre ai ripari non è mai troppo tardi, quindi segnalo la meritoria iniziativa “Mi muovo“, cioè la palestra sotto casa che non sapevi di avere.
Per tutto il mese di giugno, infatti, piazza Leonardo da Vinci e Parco Chiesa Rossa diventano palestre a cielo aperto, grazie al contributo di molte associazioni e società sportive delle zone 3 e 5 e al sostegno del Comune di Milano.
Qui si potranno praticare arti marziali, zumba, pattinaggio in linea, ginnastica dolce, yoga, danza, rugby, Kangoo jumps, squash, fitness e persino bmx.
Tutte le attività sono gratuite, basta presentarsi puntuali agli appuntamenti in programma.
Per il calendario completo visita il sito progettomimuovo.wordpress.com