Caffè sospeso

Il caffè sospeso è un’abitudine tipicamente napoletana. Ma non solo: con i tempi che corrono comincia a fare capolino anche qui a Milano…

Il “sospeso” è un caffè che si paga, ma non si consuma.
A Napoli basta entrare in un bar, ordinare un caffè e pagarne due, in modo che il secondo sia a disposizione di chi verrà dopo (e magari non può permetterselo).

Sul grado di sublime civiltà di un popolo, quello partenopeo, che reputa il caffè così importante da inventarsi una sorta di ammortizzatore sociale per non privare nessuno di ciò che è considerato un bene di prima necessità (al pari dell’acqua o dell’aria, o poco ci manca…) si potrebbe parlare a lungo, e il solo fatto che questa nobile abitudine abbia raggiunto le nostre latitudini mi riempie di ottimismo.
Fatto sta che, posto che non penso molti di noi si troveranno nella situazione di non avere nemmeno un euro in tasca per pagarsi un caffè, questo a me pare un bell’esempio di quei piccoli gesti di solidarietà e collaborazione spontanea tra le persone, che si diffondono in momenti come quello che stiamo vivendo (ehm, come vogliamo definirlo…di crisi?! vacche magre?!).

A Milano, ad esempio, lo pratica il bar Blu di via Carmagnola.
E voi, avete notato in giro il caffè sospeso? Ne avete mai lasciato uno o avete bevuto una “tazzina pagata”?
Raccontatecelo! Proviamo tracciare la rete dei caffè sospesi della città 😉

Annunci

3 thoughts on “Caffè sospeso

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...